Il Populismo Funzionale

Ibra (volontario Mete Onlus) può dimostrare agli stolti, che l’essere migrante non vuol dire “essere il nulla”, ma una persona, come chiunque altro al mondo. Di eguali diritti, doveri, e con la voglia di affermare se stessi.

Il tema della migrazione forzata ha capitalizzato l’opinione pubblica, il dibattito politico fonda il suo interesse verso questo item, e la società non perdona se si è accanto ad un migrante. L’insulto è presto fatto.

Attribuisco molta responsabilità alla politica attuale, hanno dato vita ad un populismo funzionale atto a confondere le menti.

Ciascuno può pensare ciò che crede, ritenere la migrazione forzata la colpa dei problemi in Italia, ma nessuno, può e deve, insultare/offendere chi ha deciso per competenza e generosità dedicarsi alla popolazione dell’Africa.

Anche io, da qualche tempo sono bersaglio di insulti a sfondo sessista, la volgarità di pensiero è  raccapricciante.

Io ho cuore, anima, cervello e dignità. Chi insulta (ancor di più) a sfondo sessista, No.

Blog