“Via Serradifalco, 190. Il mio impegno per la Civiltà, la Democrazia e la Pace”

“Via Serradifalco, 190. Il mio impegno per la Civiltà, la Democrazia e la Pace è il mio nuovo racconto autobiografico, tratto dell’esistente. Il titolo trae origine dall’indirizzo della Scuola Media Inferiore da me frequentata nei primi anni ’90, nella Città di Palermo. Una scuola avanguardista, ancor di più, in quegli anni.

Alla “Leonardo da Vinci”, imparai l’essere indipendente nella creatività, nell’intelletto e soprattutto nella capacità del manifestarsi. Capii l’importanza che si ha nell’agire per contribuire a rendere il mondo civile, rendendolo libero ed uguale, manifestando (anche) il proprio dissenso e tendendo la mano verso chi non è in grado da solo di ribellarsi.

Furono questi principi vitali che fecero nascere in me l’amore universale nei confronti di Nelson Mandela, e così, l’Apharteid divenne l’attuazione concreta del mio vivere.

Il testo è dedicato a tutti i Bambini e le Bambine del mondo. Ed alle Donne che vivono, in costrizione, nei Campi di Tindouf.

Copertina